Tutto il buono del Canavese!

La Natura

Il Canavese, territorio ricco di fascino e di tesori naturalistici, storici ed artistici, si estende tra verdi vallate e dolci colline costellate di vigneti e castelli, parchi, riserve naturali e cime innevate. Grazie a numerosi itinerari escursionistici segnalati, è possibile scoprire la natura selvaggia e incontaminata dell’Anfiteatro Morenico di Ivrea e i suoi laghi di origine glaciale.

La zona dei Cinque Laghi della Serra d’Ivrea offre infatti la possibilità di immergersi nel verde passeggiando a piedi, in bicicletta o a cavallo tra i sentieri che collegano questi bacini morenici: San Michele a Ivrea, Campagna a Cascinette, Sirio tra Ivrea e Chiaverano, Pistono a Montalto Dora e Nero tra Montalto Dora e Borgofranco d’Ivrea.
Il lago più grande e più conosciuto è sicuramente il lago Sirio; le sue acque profonde e tranquille sono balneabili, il che lo rende meta privilegiata dei turisti nella stagione estiva. È possibile effettuare un percorso ad anello intorno al lago; due varianti portano alla scoperta delle Terre Ballerine – una ex torbiera il cui terreno al fondo dell’avvallamento è elastico ed ondeggia sotto i vostri passi – e dei resti dell’acquedotto romano.
L’anello del lago Pistono (o di Montalto) si snoda invece tra vigneti e boschi di castagno e nelle sue acque si specchia, maestoso, il castello di Montalto Dora.
Suggestivo è il lago Nero, il cui fascino tenebroso e selvaggio ha dato vita a numerose leggende. Non a caso, percorrendo il sentiero che si sviluppa attorno alle sue sponde è possibile ammirare una lapide funeraria, un masso erratico e la misteriosa “Casa del guardiano”.
Se invece siete alla ricerca di un’oasi verde di quiete e relax, il lago di Campagna è la meta perfetta. Dal sentiero che lo costeggia si ha una splendida vista sul Castello San Giuseppe, il Mombarone, la Serra e Chiaverano.

Il Canavese è anche terra di vigneti. Uno dei vini più conosciuti è sicuramente il Nebbiolo di Carema, prodotto nell’omonimo Comune.
Grazie al Sentiero dei vigneti è possibile visitare in tutti i periodi dell’anno i vigneti e le più importanti emergenze del paese: gli antichi e arroccati terrazzamenti, i caratteristici pilun in pietra, i portali scolpiti e le possenti caseforti medioevali.

Infine, in Canavese si può anche respirare aria di montagna, grazie alla Valchiusella. La bassa valle è caratterizzata da rilievi collinari coperti da fitti boschi. Quest’area appartiene geologicamante all’Anfiteatro morenico d’Ivrea e ospita alcuni laghi naturali: quelli di Alice e di Meugliano.
Nella sua parte più alta, la Valchiusella è delimitata da una catena di monti le cui vette più importanti arrivano ai 2820 metri del Monfandì e ai 2756 metri del Monte Marzo (dalle cui pendici il Chiusella inizia il suo corso, per sfociare nella Dora Baltea nei pressi di Strambino).
L’alta Valchiusella presenta i lineamenti tipici di una valle formatasi dopo l’ultima glaciazione. Dopo la ritirata del grande ghiacciaio della Dora Baltea, la morfologia del territorio si presenta con una serie di circhi e di ripiani, occupati talvolta da piccoli laghi.
I “Laghi della Furce” (2165 metri), il “Lago Liamau” (2337 metri), i “Laghetti della Buffa” (2176 metri) costituiscono mete di bellissime camminate escursionistiche, che si svolgono su sentieri curati e puliti frequentati anche dai numerosi greggi che ancora oggi alpeggiano nei periodi estivi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.